“Profumo”, un film scritto e sceneggiato da Giuliana Gamba

Articolo di Gordiano Lupi

Giuliana Gamba passa al cinema erotico con Profumo, film che scrive e sceneggia, non privo di qualche interesse per una buona dose di trasgressione, chiari riferimenti all’esperienza hard e citazioni del cinema di Joe d’Amato. Il film è uscito in due versioni in VHS e in DVD – una vietata ai minori di anni 14, l’altra ai minori di anni 18 – e circola in televisione pesantemente tagliato. Protagonista è la bellissima Lorenza (Florence Guérin) che lascia il marito Guido (Luciano Bartoli) dopo aver subito a lungo le sue perversioni erotiche, ma è così intrisa di malsana sessualità che anche nel nuovo rapporto con Edward (Robert Egon) – un giovanissimo giardiniere americano –  le cose prendono una deriva perversa. Film violento ed estremo, molto voyeuristico anche da un punto di vista femminile, con insolite docce maschili spiate dalla donna, rapporti a tre, perversioni e travestitismo. Robert Egon è un attore così bello, dalle fattezze femminili così spiccate, da rendere credibile la trasformazione in spogliarellista che fa innamorare il marito di Lorenza. L’attore tedesco Robert Egon Spechtenhauser (1966 – 2010) è al debutto, ha meno di vent’anni, perfetto per il ruolo, non farà molto nel cinema italiano, scomparendo prematuramente dopo un terribile incidente. Lo ricordiamo in un paio di film di Lucio Fulci (Un gatto nel cervello e Il fantasma di Sodoma) e in Venerdì nero di Aldo Lado. Florence Guérin dopo La bonne (1985) di Salvatore Samperi lavora molto in Italia, tra commedie e ruoli erotici, visto lo stigma samperiano impresso dal debutto. Il film risulta abbastanza datato come struttura, fotografia televisiva, montaggio compassato non sempre consequenziale, solo la regia presenta spunti originali. Ottime le  musiche di Franco Piersanti, a parte le dovute sonorità anni Ottanta, monotone e ripetitive, si apprezzano parti sonore interessanti. Luciano Bartoli è il peggiore tra gli attori e non conferisce al ruolo del marito la drammaticità di cui avrebbe bisogno, perché la sua espressione è sempre identica. Molto brava Florence Guérin, perversa al punto giusto, ma anche l’efebico Robert Egon se la cava a dovere. Per apprezzare il film è consigliata la versione integrale, perché nella versione tagliata non sono chiare le torture psicologiche subite dalla moglie durante la relazione con il marito. Pregevoli le parti oniriche e i flashback intensi che riportano Lorenza alle torture e agli incubi del passato.

Scheda di Profumo – Paese di Origine: Italia (1986). Durata: 98’. Genere: Erotico/Thriller – Regia: Giuliana Gamba. Sceneggiatura: Massimo Cerati, Giuliana Gamba. Fotografia: Giorgio Di Battista. Montaggio: Sergio Montanari. Musiche: Franco Piersanti. Scenogtrafia: Claudio Cinini. Produttore: Galliano Juso. Casa di Produzione: Metro Film Srl. Interpreti: Florence Guérin (Lorenza), Luciano Bartoli (Guido Corbi), Robert Egon Spechtenhauser (Edward), Stefano Sabelli, Giuliano Sestili, Vasco Santoni, Erminia Garofano, Omero Capanna.

0 commento

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: