I primi anni della Rivoluzione

Articolo di Gordiano Lupi

La Rivoluzione Cubana cambiò il modo di fare cinema creando l’ICAIC, sotto la direzione di Alfredo Guevara. La legge istitutiva della casa di produzione statale recitava: “Il cinema deve essere tutelato e promosso come il più potente e suggestivo mezzo di espressione artistica, il più diretto ed efficace veicolo di educazione e diffusione delle idee”. Nei primi tempi il cinema cubano si poteva raggruppare in tre settori: didattico, documentaristico e di fiction, a parte un dipartimento dedicato ai cartoni animati, creato nel 1960, contemporaneamente al Noticiero ICAIC Latinoamericano, realizzato da Santiago Álvarez. In generale i cineasti, per imparare il mestiere, passavano dal genere didattico al documentaristico e soltanto dopo si dedicavano alla fiction. Nello stesso tempo giunsero a Cuba molte personalità del cinema mondiale che realizzarono importanti opere e insegnarono ai giovani cubani i segreti della tecnica. Ricordiamo la presenza a Cuba di registi e sceneggiatori come Roman Karmen, Chris Marker, Joris Ivens, Mijail Kalatozov, Agnes Varda, Cesare Zavattini e molti altri. Tomás Gutiérrez Alea diventerà il più importante regista cubano dopo aver diretto il primo lungometraggio di fiction, Historias de la Revolución, e dopo aver consegnato alla storia del cinema piccoli capolavori come Las doce sillas, La muerte de un burócrata e soprattutto Memorias del subdesarrollo. Tra i registi più importanti di questo periodo storico dobbiamo citare nomi imprescindibili come Julio García Espinosa (Aventuras de Juan Quinquín), Humberto Solás (Manuela, Lucía) e Manuel Octavio Gómez (La primera carga al machete), che si dedica soprattutto ai documentari ma li realizza con stile personale e originalità.

Le pellicole più importanti del periodo: Allá va eso (1959 – fiction), Aquí están los Villalobos o El regreso de los Villalobos (1959 – fiction), El beso del adiós (1959 – fiction), Mares de pasión (1959 – fiction), Soy un bicho (1959 – fiction), Surcos de libertad (1959 – fiction), Los tres Villalobos o La justicia de los Villalobos (1959 – fiction), La vida comienza ahora (1959 – fiction), La vuelta a Cuba en 80 minutos (1959 – fiction), Cuba baila (1960 – fiction), Historias de la Revolución (1960 – fiction), El joven rebelde (1961 – fiction), Realengo 18 (1961 – fiction), Cuba 58 (1962 – fiction), Las doce sillas (1962 – fiction), Historia de un ballet (Suite Yoruba) (1962 – doc.), Cumbite (1963 – fiction), En días como estos (1964 – fiction), La decisión (1964 – fiction), Tránsito (1964 – fiction), Un poco más de luz (1964 – fiction), Desarraigo (1965 – fiction), El robo (1965 – fiction), La salación (1965 – fiction), La muerte de un burócrata (1966 – fiction), Papeles son papeles (1966 – fiction), Aventuras de Juanquinquín (1967 – fiction), El bautizo (1967 – fiction), El huésped (1967 – fiction), Tulipa (1967 – fiction), La ausencia (1968 – fiction), La odisea del Generale José (1968 – fiction), Lucía (1968 – fiction), Memorias del subdesarrollo (1968 – fiction), La primera carga al machete (1969 – fiction).

0 commento

Related Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: